Facebook: nessuna discriminazione politica nei Trending Topics

Mark Zuckerberg ha assicurato che la compagnia non ammette alcun genere di discriminazione politica da parte dei revisori della sezione Trending Topics.

Di cosa stiamo parlando?

La sezione Trending Topics di Facebook raccoglie le notizie più in voga. Recentemente il social network è stato accusato da Gizmodo e Guardian di favorire linee politica di sinistra, oscurando contenuti legati alle ideologie dei conservatori. Mark Zuckerberg, fondatore e CEO di Facebook, è intervenuto affermando che “Facebook vuole dare una voce a tutti”.

Justin Osofsky, Vicepresidente delle Operazioni Globali di Facebook, ha ribadito il concetto, indicando anche in modo dettagliato le modalità in cui i contenuti vengono selezionati per la sezione Trending Topics. Facebook ha inoltre pubblicato le linee guida che regolano il lavoro dei revisori, la mancata osservanza delle quali è passibile di licenziamento.

Al momento Facebook sta conducendo un’indagine interna per valutare se le accuse sono fondate. Nel post indicato sopra, Zuckerberg promette di prendere le dovute conseguenze se l’indagine dovesse rivelare qualcosa di contrario ai principi dell’azienda.

Tu cosa ne pensi?

Ora vogliamo sapere qualcosa da te: cosa ne pensi? Credi che Facebook possa aver preso una posizione politica o credi che le accuse siano infondate? Faccelo sapere nei commenti!

Fonte: <a href="http://newsroom cialis site officiel.fb.com/news/2016/05/information-about-trending-topics/”>Facebook Newsroom

Resta aggiornato sulle news più importanti!
Ogni mattina troverai le news da non perdere direttamente nella tua casella di posta.

Mattia Migliorini

Full Stack Web Developer e Consulente di Digital Marketing con formazione specifica in ambito e-commerce. Ama tenersi al passo con le tecnologie più recenti per offrire soluzioni sempre più semplici e potenti. È sempre pronto a mettere in discussione le proprie posizioni per ricercare nuove strategie creative.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *